logo ente parco di portofino

Détails de l'événement

1 janv. 2020 /

Parole dal Parco

Gabriele D'Annunzio

"La notte apollinea"

Il monte ingombra col suo dorso enorme
i cieli. E tu non l’odi respirare?
La rupe che protendesi nel mare
è come l’unghia del leon che dorme.
Eguali al mio pensier le mute forme
grandeggian nel silenzio interlunare.
Io veggo tutte sul mio cor passare
le bellezze del mondo a torme a torme.

Vieni! E’ l’ora dei sogni sovraumani,
o Donna de la Vita e de la Morte.
Il prodigio su l’anima è imminente.
Più nobili dei lauri le tue mani
cingano le mie tempie ove già forte
pulsa il ritmo dell’opera nascente.

Santa Margherita Ligure - 20 febbraio 1898

La poesia è stata composta da Gabriele D’Annunzio (1863-1938)
a Santa Margherita Ligure e pubblicata da Emilio Mariano
nella rivista “Nuova Antologia” nel 1951