logo ente parco di portofino

Dettaglio news

Gli ambienti del parco

il bosco misto mesofilo

È la forma forestale più diffusa nel Parco di Portofino. Si può notare facilmente nel versante settentrionale, sul sentiero chiamato “Anello Alto”, e nei valloni freschi ed umidi che si incontrano qua e là nel versante meridionale.
Si tratta di una formazione naturale, che gradualmente sostituisce gli antichi castagneti, boschi coltivati e ampiamente sfruttati dall’uomo nei decenni scorsi, sia per i frutti, che per ricavarne legna da ardere e da costruzione.
La specie principale resta sicuramente il carpino nero, al quale si possono associare il castagno, l’orniello, il nocciolo, l’agrifoglio, la sanguinella, il maggiociondolo, il corniolo, la roverella e, nei luoghi più asciutti, il leccio ed il pino marittimo.
La ricchezza del sottobosco, che varia a seconda dell’esposizione e del periodo, è particolarmente apprezzabile per le fioriture nei mesi primaverili, quando gli alberi sono ancora privi di foglie e la quantità di luce che arriva al suolo è massima e in autunno per la presenza dei funghi.
Questa formazione è caratteristica dei versanti settentrionali e la sua composizione varia a seconda dell’altitudine, dell’esposizione e del tipo di terreno.

Nella foto il maggiociondolo